Menu
Europa / Lapponia / Svezia

Arvidsjaur: visita a Lappstaden, antico villaggio parrocchiale Sami

Durante il nostro ultimo viaggio di lavoro in Lapponia svedese per Blueberry Travel, abbiamo avuto modo di visitare alcuni angoli ancora poco conosciuti di questa splendida terra. Durante questo viaggio ci siamo dedicati anche al nostro progetto People of the Arctic e alla scoperta di altri villaggi Sami, luoghi che appartengono alla loro storia e alla loro cultura. Tra questi si trova Arvidsjaur (Árviesjávrrie in Ume Sami, che significa lago generoso), conosciuto soprattutto per essere una delle più famose aree per il car testing di molte compagnie automobilistiche.

Arvidsjaur è un piccolo villaggio Sami dove, tuttora, circa una dozzina di famiglie lavorano con l’allevamento di renne, suddivise in tre diverse comunità di Sami delle Foreste: Mausjaur, Östra Kikkejaur e Västra Kikkejaur. I Sami che vivono nel sud del Norrbotten usano questo villaggio per l’allevamento delle renne durante l’estate, mentre durante l’inverno spostano le renne sulla costa, verso Piteå. Qui si trova il più grande e antico villaggio parrocchiale Sami della Lapponia, Lappstaden.

In questo articolo trovate tutte le informazioni su cosa fare e vedere ad Arvidsjaur e informazioni sulla visita di Lappstaden.

Cosa fare e vedere ad Arvidsjaur e visita di Lappstaden

Arvidsjaur: villaggio parrocchiale di Lappstaden
Arvidsjaur: villaggio parrocchiale di Lappstaden

Cosa vedere ad Arvidsjaur

Se volete approfondire la storia dei Sami e di questa area della Lapponia, uno dei posti da visitare assolutamente ad Arvidsjaur è il Museo Gamla Prästgården. Il museo è piccolo, costruito all’interno della vecchia canonica, e si trova dove sorgeva la vecchia chiesa prima di essere spostata. Oltre al museo ci sono un’armeria, una pasticceria, un piccolo negozio di artigianato locale e un bar dove sorseggiare una tazza di caffè accompagnata da ottimi dolci fatti in casa e pane cotto nel forno a legna. Seguite anche il breve sentiero Kulturstigen che racconta la storia della zona tramite pannelli esplicativi in svedese, tedesco, inglese e sami.

Il museo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 12.00 alle 16.00 e il sabato dalle 12.00 alle 14.00 e l’ingresso è gratuito. È gradita un’offerta.

Dal museo parte un interessante sentiero (Kyrkstigen) che segue in parte il vecchio sentiero della chiesa. Potete trovare la mappa cliccando qua. È un percorso ad anello lungo circa 6 chilometri e vi porterà, tra diversi siti storici, a Lappstaden, al lago Västra Ringlet e al lago Arvidsjaurssjön. Lungo il percorso potete fare una breve deviazione fino al lago Getträsket, dove si trova una piccola kåta tradizionale Sami. Un sentiero più breve (Prästtjärnsstigen) conduce attorno al lago Prästtjärn. È lungo circa 2 chilometri e mezzo e dura circa 1 ora.

Visitate la Chiesa di Arvidsjaur, costruita nel 1901/2 in stile neogotico dall’architetto Gustaf Hermansson, lo stesso che progettò anche le chiese di Sofia e Oscar di Stoccolma. L’architetto ricevette l’incarico di costruirla simile alla nuova chiesa di Jokkmokk ed infatti, avendole visitate entrambe, possiamo dire che si assomigliano molto.

Si tratta della quinta chiesa costruita nel villaggio, inaugurata nel 1903, e l’unica ad oggi rimasta. Gli edifici precedenti erano tutti realizzati in legno. La prima chiesa fu costruita nel XVI secolo ed era una piccola cappella di cui non si conosce la posizione. La seconda fu costruita nel 1607 su iniziativa di re Carlo IX, così come la terza costruita nel 1704 e per la quale il re stanziò 300 dollari in monete di rame per la sua costruzione. La quarta chiesa fu costruita tra il 1821 e il 1826 dove oggi sorge l’attuale chiesa. Fu demolita nel 1902 quando fu completata l’attuale chiesa. Nel 1950 la chiesa fu ristrutturata e la finestra dell’altare originale fu sostituita da una pala d’altare dipinta dall’artista Ivar Hjertqvist. Il bellissimo ed elegante organo risale al 1954 ed è stato realizzato dalla fabbrica di organi di Grönlund.

Vi consigliamo di visitare la Winter Car Testing Exhibition, situata all’interno dell’aeroporto, per scoprire cosa hanno creato quassù l’industria automobilistica e le persone che ci lavorano in oltre 50 anni, dal 1967 ad oggi. La mostra offre una panoramica della storia e dello sviluppo dei test invernali, è possibile visitare gli stand informativi degli espositori (tra cui Mercedes-Benz, BMW, Bosch e Continental) e guardare vecchi filmati. La mostra è accessibile durante gli orari di apertura dell’Aeroporto di Arvidsjaur e l’ingresso è gratuito. Si accede alla mostra dalla sala degli arrivi.

Chiesa di Arvidsjaur
Chiesa di Arvidsjaur

Se avete ancora tempo, vi consigliamo di visitare anche l’Hängengården, il centro storico di Glommersträsk, dove si trovano abitazioni dal XVIII al XIX secolo. Durante la metà del XVIII secolo lo stato incoraggiò i contadini a stabilirsi nell’interno del Norrland, e così nacque Hängengården, l’ambiente agricolo più antico conservato del villaggio. La fattoria risale al 1804, ma è solo dal 1810 che si trova nell’attuale posizione. Il sito è diventato centro storico nel 1937 e da allora sono stati aggiunti altri 3 edifici, tra cui la Käckbodan del 1759.

All’interno del museo si trovano circa 3.000 oggetti ritrovati nei 12 edifici in legno della fattoria, ma l’attrazione principale è la scuola originale risalente al 1843. Qui, dopo l’introduzione della carta della scuola primaria svedese nel 1842, l’anno successivo la Società Missionaria Svedese iniziò le attività scolastiche. Glommersträsk è stato quindi uno dei primi luoghi nel Norrbotten dove tutti i bambini hanno avuto l’opportunità di andare a scuola. Hängengårdens ospita altri 4 edifici originali dell’epoca, diventati oggi monumenti storici, e sono la casa padronale, il panificio, la baita minore e il granaio. La casa padronale è stata abitata fino al 1931.

Per vivere un’esperienza a stretto contatto con i Sami vi consigliamo di visitare il Båtsuoj Sámi Center, a 70 chilometri da Arvidsjaur. Si tratta di uno dei posti migliori nella Lapponia svedese per conoscere la cultura e le tradizioni Sami, fare qualche esperienza con le renne e vedere come vivevano un tempo.

È possibile prendere parte ad una visita guidata di circa 1 ora e mezza, prendere parte ad un’intera giornata con i Sami e fermarsi a dormire sulle pelli di renna nelle capanne tradizionali oppure fare un’esperienza spirituale tra natura e sciamanesimo. Fate attenzione a raggiungere il centro in inverno in quanto la strada è completamente innevata e ghiacciata.

Arvidsjaur: villaggio parrocchiale di Lappstaden
Arvidsjaur: villaggio parrocchiale di Lappstaden

Visita di Lappstaden, antico villaggio parrocchiale Sami

Uno dei luoghi più importanti di Arvidsjaur è senza dubbio Lappstaden, il più grande e antico villaggio parrocchiale Sami della Lapponia. Lappstaden, come Gammelstad, fu costruito in seguito all’introduzione di una legge svedese, voluta da Carlo IX, che prescriveva la costruzione di mercati e chiese all’interno della Lapponia svedese, con una frequenza regolare della chiesa che tutti erano tenuti a rispettare, anche i Sami. Furono costretti ad abbandonare loro vecchia fede dello sciamanesimo e i siti sacrificali, i tamburi degli sciamani e gli yoik (canti Sami) furono banditi.

Quando in Lapponia furono costruite le prime chiese, nel XVII secolo, per i Sami della Foresta si rese necessario trovare un posto dove fermarsi quando frequentavano le funzioni religiose obbligatorie due volte l’anno. Così furono costruiti diversi gåhties (capanne) che potessero ospitare i Sami che vivevano in modo nomade seguendo le loro renne.

La Chiesa di Arvidsjaur fu completata nel 1607 e aveva lo scopo di portare il cristianesimo tra la popolazione Sami. Inizialmente il sito era lontano dalla posizione attuale di Lappstaden, dove è stato spostato all’inizio del XIX secolo. Oltre alle capanne per i Sami, il villaggio ospitava anche alcune capanne dei contadini della parrocchia e alcune abitazioni possedute dai commercianti.

Oggi a Lappstaden si trovano circa un’ottantina di capanne, ben conservate e alcune sono visitabili. 52 sono capanne di stoccaggio, costruite su palafitte sollevate da terra per proteggerle dalle intemperie, mentre 29 sono kator, abitazioni di circa 4 metri quadrati e con i tetti a forma di piramide. Sono costruite su bassi muri di legno e nel tradizionale stile dei Sami delle Foreste. Hanno una botola per la fuoriuscita del fumo del fuoco e all’interno avevano un pavimento di terra ricoperto da rami di betulla.

Le capanne sono di proprietà privata e vengono tutt’oggi utilizzate, soprattutto durante il festival Storstamningshelgen che si svolge durante l’ultimo fine settimana di Agosto. Durante il festival si può assistere a gare di tiro del lazo per catturare le renne e concerti musicali tradizionali.

Cosa fare ad Arvidsjaur

Arvidsjaur si riempie di vita principalmente durante l’inverno, quando ci sono molti eventi e tante possibilità di fare le escursioni. Qui si può vivere l’esperienza dell’ice driving, ovvero la guida di auto sul ghiaccio direttamente sul lago, pescare sui laghi ghiacciati, fare escursioni con le slitte trainate dagli husky o dalle renne, escursioni in motoslitta e tanto altro. Gli amanti dello sci trovano diverse piste per lo sci di fondo intorno ad Arvidsjaur oppure piste per sci e snowboard sulla Prästberget.

In estate è possibile vivere la natura intorno ad Arvidsjaur a 360° grazie a diversi sentieri trekking di diversa lunghezza e difficoltà. La maggior parte dei sentieri sono adatti a tutti, anche alle famiglie con bambini. In estate potete visitare le rapide Trollforsen, navigare lungo i fiumi, pescare e organizzare pic-nic nelle tante aree attrezzate nella natura incontaminata.

Arvidsjaur: villaggio parrocchiale di Lappstaden
Arvidsjaur: villaggio parrocchiale di Lappstaden

Come arrivare ad Arvidsjaur

È possibile raggiungere Arvidsjaur in aereo, ma solitamente in inverno i voli sono spesso occupati dai tecnici e collaudatori delle case automobilistiche che testano le loro auto quassù. L’aeroporto di Arvidsjaur (AJR) si trova a 12 chilometri dal centro e collega l’intera zona con l’aeroporto di Stoccolma-Arlanda in circa 2 ore e 10 minuti. In inverno, l’aeroporto di Arvidsjaur opera voli diretti da Monaco, Stoccarda, Francoforte, Hannover e Birmingham.

Il modo migliore per visitare quest’area è, secondo noi, l’auto a noleggio. Arvidsjaur si trova lungo la E45 tra Jokkmokk e Sorsele e lungo la strada 95 tra Arjeplog e Skellefteå. La strada per raggiungere il villaggio è pulita anche nel periodo invernale, perciò non avrete problemi alla guida.

Potrebbe interessarvi il nostro articolo di approfondimento sul Guidare in Lapponia.

È possibile raggiungere Arvidsjaur anche in treno, ma l’unica linea ferroviaria che si ferma al villaggio è la Inlandsbanan e la frequenza dei treni non è tantissima. In alternativa, in estate è possibile raggiungere la ferrovia principale in autobus (fino a Jörn, 70 chilometri da Arvidsjaur).

Arvidsjaur ha anche una stazione degli autobus (Länstrafiken Norrbotten) ben collegata ad altre città della regione come Piteå (1 ora e 40 minuti), Arjeplog (1 ora), Luleå (2 ore e 40 minuti), Boden (2 ore), Skellefteå (3 ore e mezza) e Gällivare (dalle 4 alle 6 ore). Potete controllare orari e autobus su questo sito.

Se la Lapponia sarà la vostra prossima destinazione, questi articoli potranno esservi utili:

❄ Informazioni generali sulla Lapponia

❄ Informazioni sull’Aurora Boreale

❄ Lapponia finlandese

❄ Lapponia norvegese e isole

❄ Lapponia svedese

❄ Lapponia russa

Scopri di più sull’Artico iniziando dalla nostra guida Artico: un mondo da proteggere oltre il Circolo Polare Artico e dalla nostra Photo Gallery! Per approfondimenti sulle popolazioni dell’Artico date un’occhiata al nostro progetto People of the Arctic: un viaggio alla scoperta degli abitanti dell’Artico.

No Comments

    Leave a Reply