Menu
Europa / Spagna & Canarie

Cosa vedere a Barcellona: itinerario di 2 giorni a piedi

Volete visitare Barcellona ma avete solo 2 giorni di tempo? Non demordete, possono essere sufficienti per visitare le principali zone della capitale spagnola. Preparatevi però a camminare tanto e riposare poco: noi in 48 ore abbiamo percorso a piedi circa 60 chilometri. Si avete capito bene!

Per prima cosa vi consigliamo di prenotare tutti i biglietti d’ingresso ai vari musei prima di partire, vi aiuterà a risparmiare tanto tempo da poter utilizzare diversamente. Vi consigliamo di acquistare prima di tutto la Barcellona Card che include l’ingresso gratuito a diversi musei, l’utilizzo illimitato di tutti i mezzi di trasporto per 48, 72, 96 o 120 ore dalla prima convalida, l’accesso prioritario nei vari siti di interesse e uno sconto fino al 20% su tutti gli altri ingressi.

Se non volete acquistare i pass, potete acquistare il biglietto per ogni singola attrazione che desiderate visitare direttamente sul sito di Civitatis, che vi consigliamo per l’ampia scelta di tour. Troverete i biglietti d’ingresso per Casa Battlò, Free Tour e l’ingresso alla Sagrada Famiglia con visita alle torri. Ricordatevi di fare attenzione a scegliere bene l’orario in cui volete visitarla, in quanto è obbligatoria la prenotazione.

Barcellona
Aragosta vicino al molo di Barcellona

Cosa vedere a Barcellona in due giorni: itinerario di 48 ore!

Giorno 1: Siamo arrivati all’aeroporto di Barcellona El Prat e abbiamo ritirato la tessera presso il banco della Barcelona Card (apre alle 8.30). Subito dopo abbiamo preso il treno che collega l’aeroporto a Barcellona e siamo scesi a Passeig de Gracia. Da qui la prima tappa è stata La Catedral (entrata gratuita dopo le 17.00), la chiesa più famosa di Barcellona assieme alla Eglesia de Santa Maria del Mar, seconda tappa.

Questa chiesa si trova vicinissima al Museo di Picasso (metro L4 fermata Jaume I) ed è un vero peccato non visitarlo! Ci sarà un po’ di coda da fare, quindi decidete se per voi ne vale la pena o no. Dopodiché abbiamo fatto una bella passeggiata verso il lungomare, fino ad arrivare alla Lobster. Abbiamo seguito il lungomare fino ad arrivare poi al Mirador de Colom, costruito nel 1888 come tributo a Cristoforo Colombo il quale decise di sbarcare al porto di Barcellona al suo ritorno dall’America. È possibile salire in cima alla ‘torre’ (qui i biglietti) ed ammirare Barcellona a 360 gradi! Ci siamo diretti poi verso La Rambla, dove abbiamo pranzato in un ristorantino tipico.

Barcellona
Mirador de Colom – Barcellona

Finito di pranzare ci siamo diretti verso l’Arco de Triunfo, dove siamo stati accolti da una marea di bambini e di bolle! Abbiamo percorso tutto il vialone fino ad arrivare al Parc de la Ciutadella, dove ci siamo concessi un po’ di riposo prima di ripartire alla ricerca della funicolare di Montjuc. Al nostro arrivo però ci hanno detto che era piena (bisogna andarci con largo anticipo, soprattutto nei periodi turistici).

Ci è toccato quindi salire a piedi! Abbiamo preso la metro fino a Plaça d’Espanya e abbiamo percorso tutto il vialone fino a ritrovarci di fronte al bellissimo Museu Nacional d’Art de Catalunya e la famosa Fontana Magica. Abbiamo iniziato poi la salita verso la Fondacion Juan Mirò e lo Stadio Olimpico. Breve visita e abbiamo subito ripreso la salita fino al Castello di Montjuc, che faticaccia! Una cosa che ci avrebbe fatto comodo sapere è che ci sono le navette che fanno tappa proprio al Castello, ma lo abbiamo scoperto una volta raggiunta la cima! Visita veloce (ma secondo noi non ne vale la pena) e corriamo al punto panoramico per gustarci un bellissimo tramonto su tutta Barcellona!

Dopo esserci rifatti gli occhi, abbiamo preso la navetta per tornare alla Fontana Magica, dove abbiamo cenato con un hot dog e ci siamo ‘gustati’ lo spettacolo della Fontana Magica, con tanto di show di due turisti che, ubriachi fradici, durante lo spettacolo si sono tuffati nella fontana completamente nudi! Decisamente esausti abbiamo deciso di dedicarci qualche meritata ora di sonno.

Barcellona
Tramonto sopra Barcellona

Giorno 2: la sveglia è suonata prestissimo e, fatta colazione, ci  siamo diretti subito alla Sagrada Familia in quanto abbiamo prenotato la visita per l’orario di apertura (9.00) e, nonostante avessimo già i biglietti, ci siamo dovuti fare un pochino di coda. Siamo rimasti incantati dalla bellezza di questa opera di Gaudì tanto da passarci mezza mattinata!

Barcellona
Sagrada Familia – Barcellona

Dopo aver buttato l’occhio all’orologio, ci siamo diretti verso un’altra stupefacente opera del maestro: Casa Batllò. Anche qui per fortuna avevamo il biglietto, altrimenti ci saremmo dovuti fare più di un ora di coda sotto il sole cocente. Abbiamo ritirato la nostra audio guida e abbiamo iniziato la visita (dura circa 45 minuti).

Finito il giro, ci siamo diretti verso il Mercato de la Boqueria, subito dietro a Casa Batllò, dove abbiamo pranzato con tanti, tantissimi prodotti tipici e artigianali. Dopodiché ci siamo diretti verso Parc Güell e, avendo prenotato la visita per le 15.00, abbiamo visitato subito la Casa-Museo di Gaudì. Abbiamo acquistato poi al costo di 8€ (7€ online) il biglietto d’ingresso per la parte monumentale e ci abbiamo passato tutto il pomeriggio. Cena e siamo crollati nel letto!

Barcellona
Parc Guell – Barcellona

Vi consigliamo comunque di dedicarle almeno un weekend lungo (3 o meglio 4 giorni) per visitarla con calma e magari visitare i dintorni, ma anche in 2 giorni si riesce a visitarne una buona parte!

Potrebbero interessarvi anche:

Date un’occhiata anche alla nostra Photo Gallery!

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.