Menu
Italia / Piemonte

Una giornata al Carnevale di Ivrea – Storia e informazioni

Ogni anno in questa bellissima cittadina si svolge lo Storico Carnevale di Ivrea, un evento che si tramanda di generazione in generazione già dai primi del duecento ed è un evento riconosciuto ufficialmente come manifestazione italiana di rilevanza internazionale.

Una giornata al Carnevale di Ivrea: Storia e informazioni

Carnevale di Ivrea
Carnevale di Ivrea

Un po’ di storia!

Siamo ai tempi del Medioevo, quando un barone che affamava la città venne cacciato per mano della figlia di un mugnaio che non voleva sottostare allo jus primae noctis, ovvero il diritto di un signore feudale di trascorrere, in occasione del matrimonio di un proprio servo della gleba, la prima notte di nozze con la sposa. Salita al castello riuscì a decapitare il barone e così diede inizio alla rivolta popolare che si concluse con l’istituzione del libero comune.

Carnevale di Ivrea
Carnevale di Ivrea

Personaggi del Carnevale di Ivrea

Durante la manifestazione si ha la possibilità di imbattersi in numerose figure di diverso genere, tra cui:

  • la Mugnaia, che è l’eroina che rappresenta la libertà conquistata dal popolo in sommossa contro il tiranno.
  • il Generale, figura che nasce agli inizi dell’800 e ha il compito di garantire il corretto svolgimento dell’intera manifestazione.
  • lo Stato Maggiore, composto da persone fidate e ufficiali che avevano il compito di aiutare il Generale nelle varie mansioni.
  • il Gran Cancelliere e il Sostituto Gran cancelliere, è una figura estremamente importante perché aveva il compito di annotare ogni avvenimento durante la manifestazione ed era sempre presente a fianco del generale. Il Sostituto Gran Cancelliere portava sempre con se una copia del Libro dei Verbali.
  • il Magnifico Podestà, responsabile dell’amministrazione e della giustizia nominato dai Credendari, ovvero i consiglieri comunali dell’epoca.
  • gli Abbà, rappresentano i priori delle cinque parrocchie di Ivrea.
  • i Pifferi e Tamburi, girano durante tutta la manifestazione intonando trentadue suonate.

Svolgimento del Carnevale di Ivrea: la battaglia delle arance

La battaglia delle arance è il momento più spettacolare dell’intera manifestazione e richiama ogni anno migliaia di visitatori provenienti da tutto il mondo. Le origini di questa tradizione non sono certe ma si pensa che il tutto ebbe inizio da quando i nobili, durante le loro abbuffate di fagioli grassi, lasciavano al popolo solamente i loro rimasugli in segno dispregiativo e ogni volta i cittadini, quando i nobili si accingevano a passare nel centro storico, glieli lanciavano addosso. Poi, con il passare degli anni, anche le giovani fanciulle corteggiate dai ricchi viandanti di passaggio dal centro storico iniziarono a lanciare ortaggi e verdura dai balconi in segno di disprezzo.

Non è ancora molto chiaro il perché oggi vengano utilizzate le arance ma si presume che l’arancia, intesa come frutto esotico e passionale, potesse rispecchiare attraverso il suo colore rossastro il sangue versato durante le rivoluzioni popolari che hanno segnato la storia della città. La battaglia delle arance che si svolge negli ultimi tre giorni dell’evento e rievoca questa ribellione.

Il popolo, rappresentato dagli aranceri a piedi senza protezioni, e l’aristocrazia, rappresentata dai tiratori sui carri trainati dai cavalli, interpretano perfettamente una battaglia ferrata a colpi di arance. Lanciare il più forte possibile le arance è un segno di rispetto, per onorare insieme la battaglia: alla fine una stretta di mano sancisce la ritrovata amicizia. L’arancia simbolicamente rappresenta la testa decapitata del barone.

Per essere sempre aggiornati sullo svolgimento della manifestazione nelle singole giornate, ogni anno, consultate il sito www.storicocarnevaleivrea.it mentre qui potete trovare la mappa dei luoghi dove si svolgerà il Carnevale di Ivrea.

Carnevale di Ivrea
Carnevale di Ivrea
Carnevale di Ivrea
Carnevale di Ivrea

Le squadre del Carnevale di Ivrea

  • Aranceri Asso di Picche: casacca rosso-blu e foulard nero con simbolo della picca. Luogo di tiro in piazza Ferruccio Nazionale. Creata nel 1947
  • Aranceri della Morte: casacca nera, pantaloni rossi, con un teschio nero su sfondo bianco. Luogo di tiro in piazza Ferruccio Nazionale. Creata nel 1954
  • Aranceri Tuchini del Borghetto: casacca verde, pantaloni rossi e un corvo nero su sfondo bianco. Luogo di tiro in Borghetto. Creata nel 1964
  • Aranceri degli Scacchi: casacca a scacchi bianco-nera e una torre arancione. Tiro in piazza Ottinetti. Creata nel 1964
  • Aranceri Pantera Nera: casacca nera e una pantera nera su sfondo giallo sulla schiena. Tiro in piazza del Rondolino. Creata nel 1965
  • Aranceri Scorpioni d’Arduino: casacca gialla, pantaloni verdi e scorpione nero. Luogo di tiro in piazza Ottinetti. Creata nel 1966
  • Aranceri Diavoli: casacca giallo-rossa e diavolo rosso su sfondo giallo. Luogo di tiro in piazza del Rondolino. Creata nel 1973
  • Aranceri Mercenari: casacca granata, pantaloni gialli e stella gialla con spade granata. Luogo di tiro in piazza del Rondolino. Creata nel 1974
  • Aranceri Credendari: casacca blu, pantaloni gialli, e il Palazzo della Credenza con la Scure d’Arme del Podestà e la Mazza del Comune incrociati.

Nei tre giorni dello svolgimento, una commissione osserva l’andamento della battaglia ed assegna un premio alle squadre a piedi e ai carri che, per ardore, tecnica e lealtà, si sono maggiormente distinte.

Da ricordare!

In segno di partecipazione alla festa tutti i cittadini ed i visitatori, a partire dal Giovedì Grasso, scendono in strada indossando il Berretto Frigio, un cappello di colore rosso a forma di calza che rappresenta l’adesione ideale alla rivolta e quindi l’aspirazione alla libertà.

Se non si vuole essere colpiti dalle arance consigliamo vivamente di comprare il berretto nelle varie bancarelle di ambulanti presenti lungo le vie della città.

Carnevale di Ivrea
Carnevale di Ivrea

La mia esperienza al Carnevale di Ivrea

Ho partecipato a questa manifestazione per la prima volta e, non sapendo come muovermi, ho seguito la massa di persone con il berretto frigio rifugiandomi dietro le reti di protezione disposte nelle varie piazze.

Con il passare dei minuti e del passaggio dei carri sentivo dentro di me che mi stavo realmente perdendo quello che è il cuore pulsante dell’evento, ovvero stare in mezzo agli aranceri nel fulcro della battaglia per poter provare le loro sensazioni in prima persona, cosi scansai la rete e corsi nella piazza. Mi sentivo scorrere l’adrenalina nelle vene e la mente era completamente offuscata dal frastuono dei cori degli aranceri in attesa dei carri.

Ok… tutti pronti!!! Le sacche e le giacche sono colme di arance, ancora qualche secondo e il carro entra nella piazza.

Da quel momento è il delirio, volano arance ovunque a ripetizione, è una vera e propria battaglia per qualche minuto, dove gli aranceri di terra bersagliano i tiratori sui carri trascinati dai cavalli. È una battaglia all’ultimo ‘sangue’ e alla fine sul campo si contano numerosi contusi, ma soddisfatti e sprezzanti dei rischi che hanno corso.

Finita la battaglia tutte le squadre stremate e malandate, ma felici di aver dato il massimo, si riconciliano con una bella bevuta.

Carnevale di Ivrea
Carnevale di Ivrea

Come arrivare al Carnevale di Ivrea

in auto da:

  • Torino: Autostrada A5 Torino-Aosta, uscita Ivrea
  • Milano: Autostrada A4 Milano-Torino, svincolo A4-A5 Santhià-Ivrea, A5 direzione Aosta, uscita Ivrea
  • Aosta: Autostrada A5 Aosta-Torino, uscita Ivrea
  • Genova: Autostrada A26 Genova-Gravellona, A26 direzione Alessandria-Santhià, svincolo A4-A5 Santhià-Ivrea, A5 direzione Aosta uscita Ivrea

Oppure in treno:

Ivrea si trova sulla linea Torino-Aosta. È possibile prendere un treno dalla stazione Torino Dora o Torino Porta Susa e raggiungere Ivrea in circa un’ora. Ogni 30 minuti ci sono collegamenti tra la stazione ferroviaria di Torino Caselle (a circa 150 metri dall’aeroporto) e le stazioni di Torino di Dora, Porta Susa e Lingotto. Il servizio è attivo dalle 05.00 alle 21.00.

Da Milano ci sono 25 treni in partenza dalle stazioni di Milano Centrale, Milano Porta Garibaldi, Milano S. Cristoforo e in arrivo nella stazione di Ivrea. La durata media del viaggio è di 2 ore e 14 minuti circa, il primo treno parte alle 05.18 e l’ultimo alle 21.45.

Carnevale di Ivrea
Carnevale di Ivrea

Date un’occhiata anche alle altre gite fuori porta in giornata!

Luca

1 Comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.